Chiudi
Ciao Ospite, benvenuto nel forum Pellegrini per Sempre
lo stai visitando nella sua parte pubblica, comunque anche da ospite puoi scrivere un argomento nel forum dedicato agli ospiti ma se vuoi interagire con gli iscritti, vedere tutti i forum della board, partecipare ai nostri raduni e tanto altro e' necessario effettuare l'iscrizione cliccando in alto su "Entra o Registrati".
Da questo link puoi anche iscriverti alla newsletter del forum. Buon Cammino
Chiudi
Solo per ricordare che abbiamo on line circa 365 album suddivisi per cammini con le Vostre foto. Se volete pubblicare le Vs. foto scrivetemi a : admin@pellegrinipersempre.it
Questo il link per visualizzare la nostra gallery

Diario Almansa - Avila

Discussione in 'Diari pellegrini' iniziata da liam, 30 Agosto 2017.

  1. liam

    liam Utente storico e attivo Socio Assoc.ne PPS

    18/09 San Bartolomé de Pinares – Ávila
    L’albergue è all’interno del Centro de Salud.
    L’italiano parte presto.
    Ragazzo e cagnetto dormono ancora, vado a preparare lo zaino nella sala d’attesa.
    Sento bussare alla finestra. Un vecchietto mi fa cenno di andare alla porta.
    Mi chiede se posso prendergli un numero.
    “Tutti in coda, arrivo io e ho il primo numero” e si fa una risata.
    Questa poi… Viene da ridere anche a me.
    L’uscita da San Bartolomé mi piace. Un po’ di nuvole che danno una luce particolare, vento, grossi massi scuri, avvoltoi che disegnano cerchi nel cielo e freddo. Ma ormai mi sto abituando alle partenze gelate.
    Scendo un po’. Muretti a secco, cavalli e mucche.
    El Herradón. Un ponte su un torrente asciutto, una chiesa che sembra interessante ma chiusa, un bel segnavento, ma non incontro nessuno. Dormono ancora tutti? Sono già tutti a lavorare? Chissà.
    Una stradina, una ermita fiorita e ricomincio a salire tra mucche e muretti.
    Un sentiero infossato, un po’ triste.
    Muggiti sull’altro versante.
    Sono di nuovo su, dove la vista può spaziare e il vento è libero di soffiare come vuole.
    Un paio di cancelli, bassi cespugli, pietre. Sto bene qui, finché.
    Finché non vedo la pianura laggiù.
    Lì ci sarà Ávila e io devo solo più scendere.
    Mi fermo, mi siedo su una pietra. Non si sta benissimo, il vento è decisamente freddo e il sole c’è e non c’è.
    Non ho il platano oggi. Mangio un pezzo di pane duro, biscotti, avanzi di frutta secca e anche la barretta di emergenza, nella tasca dello zaino dal primo giorno. Non è che abbia tutta questa fame, ma ormai.
    Non ho voglia di alzarmi. Non ho voglia di scendere. Non ho voglia di finire. Non ho voglia di tornare ad essere quello che sono.
    Perché ormai lo so, non torno dai cammini diversa, cambiata, migliore. Ammesso che sia leggermente diversa durante, poi tutto ritorna esattamente come prima.
    “Allora cosa li fai a fare?”
    “Beh, accidenti, sono una pausa, una boccata d’aria, una “vacanza”, ti sembra poco?”
    “Potresti raggiungere lo stesso scopo ubriacandoti periodicamente”
    “Probabile, ma sono quasi astemia, camminare mi sembra più salutare, non c’è neanche la “resaca” la mattina dopo. E poi tu cosa ne sai di ubriacature”
    Mi viene addirittura voglia di scrivere queste idiozie via etere. Il caso o chi per lui fa sì che su questa pietra il telefono non prenda. Un po’ di persone si risparmiano la lettura in diretta.
    “Muoviti, alza le chiappe e inizia a scendere, che tanto prima o poi lo devi fare e seduta lì rischi anche di prenderti un raffreddore”
    “Hai ragione, scendo”. Guarda tu se devo ubbidire anche a una mucca.
    Fino a Tornadizos. Poi è pianura, col vento in faccia. Ávila si vede lì davanti e come sempre non arriva mai.
    Periferia con strade larghe e rotonde e altre rotonde e nessuno. Ma passerà qualche macchina ogni tanto o sono state costruite per il futuro?
    Finiscono le rotonde e inizia la città con persone, macchine, bus.
    Ecco le mura. Wow
    L’albergue è subito fuori dalla porta opposta a quella da cui sono arrivata. Passo da fuori, lungo le mura, perché mi piacciono e perché ho tempo di girare l’interno con calma dopo.
    Telefono, 10 minuti e l’hospitalero viene ad aprirmi.
    Ottimo albergue e ottimo hospitalero.
    Mi spiega le tappe successive e le varie possibilità. Non gli dico che domani sarò a casa. Non so perché non glielo dico, forse per ingannare anche me.
    Ávila. Le mura sono spettacolari.
    La cattedrale. L’interno, gli archi, ma soprattutto il colore delle pietre, lo stesso colore della terra. Mi siedo e rimango un mucchio di tempo a guardare.
    La statua di Santa Teresa seduta a scrivere. Che pazienza deve avere con tutte queste persone che si fanno fotografare vicino a lei.
    Ritorno verso l’albergue, alla ricerca del posto dove mangiare appena consigliatomi da chi è stato qui recentemente.
    Ma non ci arrivo.
    Due hospitaleras di fronte all’albergue, sono passate a vedere se va tutto bene. Iniziamo a parlare. Stanno andando a “picar algo”. Vado con loro. La ricerca del bar è complicata, sembra che anche qui sia tutto chiuso, ma divertente. Parliamo di Spagna, di Italia, di cammini, di un mucchio di scemenze. Pensandoci bene è la prima volta che mangio con qualcuno. E’ la serata giusta.
    Ritornando lungo le mura illuminate le saluto (le hospitaleras, le mura domani), le ringrazio e vado a dormire.
    E domani si vedrà.

    P9180321.JPG
    Pietre uscendo da San Bartolomé

    P9180323.JPG
    Muretti e pascoli

    P9180337.JPG
    Guadando indietro

    P9180344.JPG
    Laggiù c’è Ávila

    P9190371.JPG
    Porta

    P9190364.JPG
    Mura

    20170918_174211.jpg
    Archi della cattedrale, stesso colore della terra

    20170918_194602.jpg
    Ancora mura
     
    A francafranca piace questo elemento.
  2. liam

    liam Utente storico e attivo Socio Assoc.ne PPS

    19/09 The end
    E’ sereno ma fa freddo. Sandali e calze, non ho intenzione di congelarmi i piedi.
    Attraverso il centro lungo le mura, dal lato opposto rispetto a ieri.
    Ancora un giro all’interno, ho tempo.
    San Vincente continua ad essere chiuso.
    E’ aperta la Capilla de San Segundo, piccola e particolare. Non è Santiago, ma ci provo anche qui.
    Ultimo colacao y tostadas.
    Treno, metro, aeroporto.
    E’ da ieri sera che mi chiedono se volo con RyanAir. Non ne so niente, fuori dalle notizie. Mi spiegano. Comunque ho Vueling, quindi mi va bene.
    Scalo a Barcellona. Non devo neanche correre a caso per l’aeroporto in cerca del mio volo.
    Torino. Casa. Sempre con sandali e calzini.

    Cinque cose (si sa che i numeri mi tranquillizzano)
    1) Questo cammino, che potrebbe sembrare molto solitario, è stato forse uno dei più “condivisi”. Non sono molto “social” e neanche molto “sociale”, ma scambiare due battute la sera o in qualche pausa con un gruppetto di persone e qualche singolo mi è piaciuto e mi ha anche aiutato. La tecnologia non è sempre così male. Per cui grazie al gruppetto e ai singoli.
    2) Come sempre mi sono fatta grandi chiacchierate con oggetti, animali e persone non presenti, tanto non mi possono ascoltare, non ho paura di annoiarli. Ma questa volta, oltre alla solita persona che a sua insaputa è sempre appollaiata sul mio zaino, ce n’era un’altra seduta accanto a lei. Come ho già scritto, in quanto “mezzo” mi sono sentita giustificata e ho provato a fare quello che potevo. Non so, se non altro spero di averle strappato almeno un sorriso ogni tanto.
    3) All’inizio dell’estate avevo deciso di non scrivere “pubblicamente” dei miei passi, lascio perdere i motivi altrimenti qualcuno potrebbe iniziare a contraddirmi... Poi da persona che non cambia mai idea, ho scritto e scritto. Ma i miei mi sembrano sempre più camminini piccolini piccolini. Non è una scelta, è che vengono così. Però, anche rendendomene conto, mi piacciono lo stesso, mi piacciono un sacco. Non voglio fermarmi. E poi, chissà, potrei sempre migliorare.
    4) E’ stato un cammino “di terra”. Di terra rossa, di terra più chiara, di terra più scura. Fatto in altre stagioni probabilmente sarebbe stato diverso, sicuramente più colorato (ho visto delle foto). Ma mi è piaciuto così. Cercavo un po’ di nulla e soprattutto la mattina in mezzo a quei campi, accidenti, se l’ho trovato. Ho rincorso Don Quijote e Sancho, non li ho raggiunti, ma è questo il gioco. Mi mancano, mi manca.
    5) Grazie
    6) Ehi, hai detto cinque! Lo so, volevo vedere se eri attento ¡Hasta pronto, Sancho!
     
    A francafranca piace questo elemento.
  3. Edo

    Edo Admin Membro dello Staff Socio Assoc.ne PPS

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi