1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
Chiudi
Ciao Ospite, benvenuto nel forum Pellegrini per Sempre
lo stai visitando nella sua parte pubblica, comunque anche da ospite puoi scrivere un argomento nel forum dedicato agli ospiti ma se vuoi interagire con gli iscritti, vedere tutti i forum della board, partecipare ai nostri raduni e tanto altro e' necessario effettuare l'iscrizione cliccando in alto su "Entra o Registrati".
Da questo link puoi anche iscriverti alla newsletter del forum. Buon Cammino
Chiudi
Solo per ricordare che abbiamo on line circa 365 album suddivisi per cammini con le Vostre foto. Se volete pubblicare le Vs. foto scrivetemi a : admin@pellegrinipersempre.it
Questo il link per visualizzare la nostra gallery

La via dei Santuari del mare

Discussione in 'Altri cammini' iniziata da Sardina, 29 Settembre 2013.

  1. Sardina

    Sardina Administrator Membro dello Staff Socio Assoc.ne PPS

    Non so se si è già parlato di questi sentieri (guardando nel forum non ho trovato niente....), ma oggi in una trasmissione in TV ho visto un servizio su questo percorso che collega Santuari mariani lungo le Cinque Terre in provincia di La Spezia. Vi riporto quello che ho trovato:

    Cinque borghi marinari diventati il simbolo stesso della Liguria, le celebri Cinque Terre, e cinque santuari mariani che rappresentano il loro lato più mistico e segreto.

    La Via dei Santuari è un sentiero a mezzacosta che collega cinque antichi luoghi di culto posti ciascuno a proteggere e quasi sorvegliare dall'alto i paesi gioiello della costiera ligure: Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore.
    Dall'antichità la Liguria nasce come terra di contadini e marinai, i primi impegnati in un'agricoltura "eroica" lungo terreni scoscesi, gli altri in mezzo al mare per pescare. In entrambi i casi i santuari dedicati a Maria erano un punto di riferimento fisico e spirituale per chi rimaneva sulla terra ferma e anche per chi andava per mare e poteva vederli da lontano.

    Un sentiero tra terra, mare e cielo.
    Al di fuori dai flussi turistici, percorrere questo itinerario nato nel segno della fede vuole dire immergersi in una Liguria autentica e segreta, quella delle vigne affacciate sul mare, dei terrazzamenti delimitati dai 7000 muretti a secco che l'Unesco ha dichiarato Patrimonio dell'Umanità.

    Il cammino a piedi lungo la Via dei Santuari dura nel complesso almeno 9 ore , per un camminatore allenato, ma può essere suddiviso in quattro tappe che consentono di godersi on più calma la bellezza del territorio.
    In alternativa, da ciascuna delle Cinque Terre si può raggiungere il corrispondente santuario camminando in salita lungo alcuni sentieri che si snoda attraverso uliveti e vigne da cui proviene il profumato vino bianco "Cinque Terre Doc" o il passito "Sciacchetrà".

    1° tappa: il Santuario di Santa Maria di Soviore.
    La prima tappa di questo trekking tra arte, storia e natura può iniziare dal paese di Monterosso fino al Santuario di Santa Maria di Soviore, uno dei più antichi della Liguria. Si parte dalla fine di via Roma e lungo il sentiero 9 si arriva dopo circa 2,5 km a questa chiesa circondata dal verde.
    La leggenda dice che questo luogo fu fondato quando durante le persecuzioni longobarde del VII fu nascosta qui una statua della madonna che venne miracolosamente ritrovata un secolo dopo e diventò l'origine del fervido culto mariano di questa zona.
    Dal santuario della Madonna di Soviore proseguendo lungo il sentiero B8 si arriva al Santuario della Madonna di Reggio posto sopra il borgo di Vernazza.

    2° tappa: dalla Madonna di Reggio al Santuario di Nostra Signora delle Grazie
    La seconda tappa è quella che unisce la Madonna di Reggio, detta l'Africana per la sua effigie di colore nero, al Santuario di Nostra Signora delle Grazie e di San Bernardino che sovrasta il paese di Corniglia. La chiesa è una testimonianza della presenza in questa zona del francescano Bernardino da Siena che qui predicò la riforma nel XV sec.

    3° tappa: verso il Santuario di Nostra Signora della Salute.
    La terza tappa conduce al Santuario di Nostra Signora della Salute in località Volastra sopra Manarola. Si raggiunge partendo dal precedente santuario di Nostra Signora delle Grazie e imboccando il sentiero 7 fino all'abitato di Case Fornacchi. Da qui si prende la carrozzabile verso Riomaggiore fino al bivio di Case Pianca dove si procede per il sentiero 6d che attraverso terrazzamenti, boschi e ruscelli arriva prima al piccolo borgo di Porciana e poi a Volastra. Il Santuario di Nostra Signora della Salute risale al 1240 ed è stato rimaneggiato nel '600.

    4° tappa: arrivo a Rio Maggiore.
    La quarta tappa congiunge Volastra a Manarola attraverso un'antica scala di pietra che scende verso il paese. In alternativa si può compiere una deviazione verso Groppo per visitare la Cantina Sociale Cinque Terre e poi continuare lungo il sentiero 2 fino a Manarola. Da Manarola si arriva all'ultimo paese, Riomaggiore, attraverso la celebre Via dell'Amore che si snoda a picco sul mare.
    Dal parcheggio di Riomaggiore parte una mulattiera che procede in salita fino al Santuario di Nostra Signora di Montenero da cui si gode uno spettacolare panorama sul mare tra Punta Mesco e le isole Palmaria, Tino e Tinetto.
    Vicino al santuario si può fare una sosta anche al Centro Visite del Parco Nazionale delle Cinque Terre per un momento di ristoro oppure per affittare una mountain bike con cui ritornare a Monterosso lungo lo splendido sentiero 1.
     

    Files Allegati:

    A Fede in volo piace questo elemento.
  2. EMMETI

    EMMETI Utente storico e attivo Socio Assoc.ne PPS

    Conosco bene i santuari delle 5 Terre: a monte di ognuna di esse c'è un santuario. I sentieri nella zona sono moltissimi: oltre a quelli da tempo segnati dal CAI ci sono le strade frangifuoco della forestale, che consentono un transito a mezza costa, oltre l'AV dei Monti Liguri, che passa a monte dei santuari. Non credo esista una segnalazione specifica della via dei Santuari, ma potrei non essere aggiornata.
    L'intero percorso si può fare in un paio di giorni (5 tappe mi sembrano veramente esagerate): leggendo quanto ha riportato Sardina emerge il vero problema e cioè l'assenza di luoghi ove dormire al livello dei Santuari ( non so dire a che quota sul mare siano ma c'è da scarpinare dall'ora alle due, per arrivarci dal mare).
    Esistono foresterie solo ai due estremi, cioè alla Madonna di Soviore, sopra Monterosso, e a NS di Montenero, sopra Riomaggiore ; in mezzo ho preso nota di un paio di posti (locanda o B&B) a Volastra ( vero balcone sul mare) ma non ho visto altro, sul sentiero. Avevo anche prospettato l'ipotesi di scollinare verso l'interno, dove avevo trovato un agriturismo, ma sempre con una bella sgambata.
    Per dormire quindi bisogna mettere in conto di scendere al mare, dove hanno creato una rete di ostelli, parte dei quali aperti anche in inverno; i posti letto sono pochi e vanno prenotati con grande anticipo, per quello che è la mia esperienza.
    Restano posti meravigliosi, da godere anche, o soprattutto, d'inverno.
    Volendo si può allungare il percorso fino a Portovenere: formalmente fuori dal parco delle 5 Terre ma geograficamente e storicamente un tutt'uno magico.
    MT
     
    A Fede in volo piace questo elemento.
  3. Sardina

    Sardina Administrator Membro dello Staff Socio Assoc.ne PPS

    Benissimo, da mettere in conto questo inverno, magari un fine settimana di marzo o aprile? Con uno sguardo preventivo al meteo sperando che sia il più possibile veritiero!
    Sardina
     
  4. EMMETI

    EMMETI Utente storico e attivo Socio Assoc.ne PPS

    Magari! già fine febbraio marzo, se il diluvio universale di ora si placa... :pioggia:
    MT
     
  5. Annamaria Guardigli

    Annamaria Guardigli Nuovo iscritto

    Ciao mi sono appena iscritta a questo forum... per sapere qualcosa di più del sentiero dei Santuari delle cinque terre
     
  6. Annamaria Guardigli

    Annamaria Guardigli Nuovo iscritto

    Si può fare in mountain bike? Quanto tempo ci vuole?
     

Condividi questa Pagina