• Ciao Ospite, benvenuto nel forum Pellegrini per Sempre
    lo stai visitando nella sua parte pubblica, comunque anche da ospite puoi scrivere un argomento nel forum dedicato agli ospiti ma se vuoi interagire con gli iscritti, vedere tutti i forum della board, partecipare ai nostri raduni e tanto altro e' necessario effettuare l'iscrizione cliccando in alto su "Registrati".
    La registrazione, oltre a quanto detto sopra, porta anche a non visualizzare alcune pubblicità come quella sottostante nelle varie risposte dei forum

Piccoli Cammini Quotidiani


Sardina

Moderatore
Membro dello Staff
Socio Assoc.ne PPS
Collaboratore Ass.ne
Direttivo Ass.ne
Pellegrino una volta
Pellegrinopersempre, tutto attaccato.
Infilarsi nel letto ogni notte
e sospirare per la nostalgia di un sacco a pelo.
Svegliarsi la mattina e pensare
quanti km riuscirei a fare oggi...
ricordando poi con tristezza
che non sono km ma solo 500 metri tra casa e ufficio.
Affogare la nostalgia cuocendo tortilla
che mia sorella disdegna e guarda schifata:
sempre patate sono.
Tenere lo zaino sempre pronto
perché non si sa mai...
Usare gli scarponi da Cammino
per andare a fare la spesa,
lasciarli sporchi di fango dall'ultima passeggiata
perché così sanno di sentiero galiziano.
Continuare a versare gocce di estratto di eucaliptus
nel termosifone dell'ufficio
perché sembra di essere tra Labacolla e Santiago.
Sentirsi Pellegrinapersempre
sempre in procinto di partire,
sempre pronta,
con il cuore spagnolo.
Tra 12 giorni sarò libera
e lo zaino non resterà a lungo nell'armadio:
è già pronto.
Non si sa mai...
Sapere anche te pellegrinopersempre
consola: siamo grandi!!

Patrizia
 

Andrè

Utente attivo e partecipante
Arrivare a casa con lo spirito leggero ti lasci alle spalle la giornata sei stanco ma contento di riavere un lavoro in cui ti senti dinuovo vivo... Non hai voglia di stare in casa sono le 17 non fa troppo freddo i piedi scalpitano e dopo mezz'ora sei sui sentieri l'aria è pulita il sole si sta abbassando e in quell' amosfera rilassata con la mente fai un rewind..torni a maggio al giorno del licenziamento, alla tua disperazione, alla rabbia ed infine alla decisione di fregartene di pensare a te stesso...poi la decisione azzardata con quel briciolo d' incoscenza che ti fece dire ai tuoi genitori "Sia quel che sia io parto" la partenza per il Cammino con l'autostima sotto i piedi... a quella mattina nel bel mezzo delle mesetas in cui io pellegrino disoccupato sento il cellulare squillare nello zaino e quella frase " Dottore abbiamo deciso di assumerla può venire domani così parliamo un attimo?"
La mia fantastica risposta " Veramente io sono un po' lontano" il mio tornare a camminare a 3 metri sopra il cielo... e ora? E ora ho 2 colleghe stupende che mi vogliono bene e che assomigliano alle bellezze che ho medicato durante il Cammino.. ora posso tornare a camminare sereno, ogni tanto mi domando ma senza il cammino che cosa sarebbe stato?.. intanto i piedi si muovono è calata la notte, ma domani non si va a lavorare e allora perché fermarsi...le gambe vanno da sole la luce LED illumina il sentiero e ti senti leggero quella stessa leggerezza che hai provato già in tutti quegli 850km... nelle orecchie le cuffiette urlano una canzone che ormai sai a memoria "Tous les matins nous prenons le chemin, tous les matins nous allons plus loin...." Con le tenebre del bosco la tua mente ritorna alla fantastica notturna e al passaggio davanti al portone del San Nicolas...ma in questo naufragare della mente adesso forse si è fatto un po' tardino l'orologio segna le 21, sei lontano da casa è ora di tornare..i piedi iniziano a dolere ma sei contento perché anche questo ti ricorda il Cammino...finalmente il portone di casa le lancette puntano le 24 e lo smartphone 26km.. Buonanotte❤
IMG_20171226_042906.jpg
 
Ultima modifica:

Edo

Admin
Membro dello Staff
Socio Assoc.ne PPS
Collaboratore Ass.ne
Direttivo Ass.ne
Bellissimo il tuo sorriso Andrè... dice tutto.

Edo
 

minuetta

Utente storico e attivo
Socio Assoc.ne PPS
Che bella storia Andrea, grazie!!!
Anche a te il cammino ha regalato qualcosa.
Cetty




Inviato dal mio HUAWEI TAG-L01 utilizzando Tapatalk
 

Griffo

Utente storico e attivo
Socio Assoc.ne PPS
Grande racconto
bellissimo carico carichissimo di tutto

tutto che si trasforma (pure tu)

quella mattina nel bel mezzo delle mesetas
e sempre lo zampino di quei luoghi che ti fan l'occhiolino ;) al momento giusto.

e soprattutto
azzardata con quel briciolo d' incoscenza
:D quella è rimasta, vista l'uscita notturna, tienila stretta:)
 

Sardina

Moderatore
Membro dello Staff
Socio Assoc.ne PPS
Collaboratore Ass.ne
Direttivo Ass.ne
Un piccolo piccolissimo Cammino che in effetti non lo è se non nella misura in cui lo senti dentro a dispetto della realtà.

Ore 7:00 del mattino, 26 Dicembre 2017, Santo Stefano.
Nemmeno mi alzo, prima cosa che faccio è prendere il pacchetto di sigarette: cavolo ce ne sono solo 3, tre sigarette ed è giornata di festa, e sono sola con mammy che non posso lasciare sola nemmeno 5 minuti.
Mi accendo una delle tre, mi alzo, faccio il caffè, lo bevo caldo bollente (lo so che non devo ma tant'è...) sbircio senza fare rumori: mammy dorme, dorme profondamente.
Dubbio: doccia subito e poi fuga verso il Tabacchi a dieci metri? O prima fuga e poi doccia? Non c'è storia, prima fuga con sensi di colpa che mi superano in altezza.
Velocissima vestizione, silenziosissima apertura della porta e fuga... incrocio le dita: in questi ultimi mesi non si sveglia prima delle nove e mezza, hai visto mai che oggi comincia a chiamare appena esco dalla porta di casa?
Metto a tacere la mia sporca coscienza mentre mentalmente mi do pugni in testa: abbandono di incapace per comprare bene che più voluttuario non si può? Torno subito, ti prego mammy dormi, dormi!
Sono le 7:47 Tabacchi a dieci metri da casa: chiuso.
Altro Tabacchi automatico a 200 metri.
Scatta il pensiero Cammino...
Faccio finta di essere sui sentieri, calma Pat, non avere fretta, guardati intorno, mammy dorme, stai tranquilla.
Con attenzione esagerata guardo quello che mi circonda:
Il muro di una casa in cui qualcuno ha scritto "Buon Natale" con la vernice spry verde! ci sarebbe stata meglio rossa;
Una casetta un po' malandata (sembra bombardata in effetti), però all'interno della grata che protegge la finestra c'è un alberello con le lucine e dietro i vetri una nonna che mi guarda e mi sorride. Mi viene voglia di piangere (mammy stai dormendo vero?);
Lotto di terreno pronto per l'ennesima palazzina, mi fermo a guardare quello che rimane di un vecchio palazzo buttato giù: le mattonelle di quella che doveva essere la parete di un bagno, rosa, sono rimaste sul muro esterno del palazzo di fianco;
La Farmacia chiusa con l'insegna lampeggiante, nella vetrina illuminata tra una ginocchiera e un apparecchio della pressione c'è un piccolo presepe con già i tre Re Magi di cui uno sdraiato...stanchezza del re o della farmacista che l'ha abbandonato?;
Sono le 7:55 coraggio mancano pochi metri all'automatico. Eccolo, in funzione. Bene. Bene un accidente: non mi prende i soldi. Ho messo la tessera sanitaria e scelto il prodotto ma continua a ripetermi "prodotto scelto, inserire i soldi"... Bastardo perché non mi prendi i soldi? Perché sono stropicciati? (Santo protettore delle mamme, lasciala dormire ancora...);
Sono le 8:04 (continuo a guardare l'orologio): ok, vado a prelevare soldi freschi, la banca è a 30 metri più o meno. Attraverso di corsa con il semaforo rosso, rischio di essere travolta da una pulce, pardon, un cagnolino al guinzaglio che mi gira intorno e mi lega le caviglie. Il signore che dovrebbe guidarlo ne approfitta per fare due chiacchere, quasi in mezzo alla strada: brutta cosa la solitudine se ti costringe a parlare con una sconosciuta che cerca sigarette alle otto del mattino. Però mi fa piacere, quasi lo abbraccio. Tre minuti tre di chiacchere: in tre minuti ho saputo che è vedovo con l'unica compagnia di quella pulce, pardon, cagnolino e che esce per poter parlare con le persone (mammy, stai dormendo vero? non sei sola, io ci sono, torno subitissimo);
Prelevo, torno all'automatico...non va, non mi prende nemmeno i soldi freschi. Che faccio?
Torno indietro, flash: c'è un tabacchino che è sempre aperto, sabati, domeniche , festivi, fine del mondo, non chiude mai. Ma è lontanuccio.
Sto facendo un piccolo cammino, vergognoso cammino per cercare una cosa di cui dovrei fare a meno. Nel mentre ho fumato l'ultima e mi viene la smania: chi fuma chi capisce...
Guardo l'ora per l'ennesima volta, sono le 8:16, ce la faccio. Passo da cammino, lento ma costante, mi giro a destra a guardare la chiesa della Medaglia Miracolosa (un ricordo improvviso: avevo 15 anni e facevo la raccolta della carta in quartiere e nel sottoscala della chiesa seduti sulle montagne di carta ci guardavamo negli occhi con un ragazzo della mia età e il cuore batteva più veloce. Sarebbe diventato il mio ragazzo per quasi 5 anni); guardo a sinistra, un market aperto. Aperto?? Deve essere l'unico in zona! Profumo di pane caldo. Patrizia muoviti.
Ultimi 100 metri, alla mia destra le case popolari del quartiere, lo squallore delle palazzine abbandonate a se stesse, rappezzate, quelle tipiche palazzine di cui nessuno si occupa più da anni (pensiero cattivo verso i politici: perché costruite case popolari che poi dimenticate salvo ricordarsene quando la cronaca mette in risalto che ci abita anche teppaglia? Perché non pensare che tra piccoli delinquenti che delinquono per fame ci abitano anche famiglie dignitose che meriterebbero un pochino più di considerazione?). Le guardo e penso a quante volte mi è stato detto che non era una zona da frequentare e invece io ci andavo a raccogliere i giornali vecchi che venduti avrebbero garantito la colonia estiva per gli stessi bambini di quelle case…
Sono le 8:40 e sono arrivata. 4 pacchetti di sigarette, uno lo apro subito e ritorno sui miei passi più velocemente dell’andata (mammy non ti svegliare adesso che sto per tornare a casa).
Mi sento una merda perché ho abbandonato casa per comprare sigarette.
Mi sento una merda perché i sensi di colpa arrivano dopo, non prima.
Mi sento in Cammino, dopo tre giorni reclusa avevo voglia di aria esterna.
Non è Cammino e lo so, non con una motivazione così futile, ma respiro perché è l’unica uscita di questi giorni.
Sono veloce, continuo a guardare tutto ciò che ho a destra e sinistra ma non mi fermo più, mi sembra che se vado più veloce annullo un pochino i sensi di colpa che ora stanno aumentando in misura esponenziale.
Piccola salita, giro a destra e poi la discesa (abito in una strada che non è esattamente pianeggiante, anzi) verso il portone del palazzo. Mi fermo solo un attimo a finire la sigaretta e penso “ tutti credono che Cagliari essendo sul mare sia tutta in piano e invece è un continuo saliscendi, è costruita su sette colli, come Roma e tutti si meravigliano).
Entro, ascensore, sesto piano, apro piano la porta con il panico di sentire gridare “mamma dove sei, Emilia (la sorella morta da dieci anni), Ferrando (è giusto, non Fernando, ma Ferrando, morto anche lui), Leandro (un nipote) e una serie di nomi di sconosciute persone. Silenzio.
Apro piano la porta della stanza da letto: dorme, russa leggerissimamente (così evito di dover controllare se respira). Grazie Dio delle mamme, perdonami se puoi. Sono le 9:10.
Mammy l’ho poi svegliata verso le dieci e mezza, “buongiorno mà, dormito bene?” sorridente come sempre quando la svegliano e vede che c’è qualcuno accanto a lei, contrariamente a quando si sveglia da sola e si dispera perché ha paura di essere sola.
Io mi sento un pochino meglio ma ciò non toglie i sensi di colpa per essere uscita come una ladra e per aver goduto di quel poco di aria fresca. Lo considero un piccolo cammino anche se Cammino non è, ma mi ha alleggerito della fatica mentale di questi giorni.

Patrizia, colpevole di fuga…
 

Griffo

Utente storico e attivo
Socio Assoc.ne PPS
:rofl: mi hai spaccato dal ridere lo sai ?
ahahahahahahahahahahahahahahahahaaha

parto dal presupposto che "so" l'ansia del pacchetto vuoto.:-o

ma da un pacchetto quasi vuoto, in un paio d'ore, sei riuscita a raccontare una miriade di sentimenti, conosciuti a molti, trasformandoli da "necessità varie" a "varie necessità", ironia/obblighi/sfighe/bene/ansie/speranze/virtù .

Scappare ogni tanto dalla realtà, non vuol dire esser cattivi, ogni tanto metti in gioco quel che hai, lo metti a rischio, per qualcosa che poi giova comunque alla quotidinità ......
Mi sento in Cammino, dopo tre giorni reclusa avevo voglia di aria esterna
una boccata di ossigeno così semplice e pura ( be pura con sigarette :-PP)
“buongiorno mà, dormito bene?”
che poi sono sicuro abbia giovato alla giornata.

un abbraccio
:orsetto:
 

Sardina

Moderatore
Membro dello Staff
Socio Assoc.ne PPS
Collaboratore Ass.ne
Direttivo Ass.ne
Patrizia,
i sensi di colpa sono proporzionali a quanto si ama;)
Quello che hai descritto è il nostro Cammino (con la "C" maiuscola!) quotidiano.
...e allora io ho montagne di sensi di colpa perché non sono capace di amare a metà, ci metto tutta me stessa, passionalmente, in ogni cosa e per ogni persona. E poi la pago con i sensi di colpa se poco poco non posso fare tutto quello che vorrei....
Sono così, è così la mia vita.
Patrizia
 

Griffo

Utente storico e attivo
Socio Assoc.ne PPS
964BA583-2D8A-4D7F-91F2-8A2399C2619F.jpeg

È in partenzaaaa è in partenzzaaa:-)):rofl:, siam riusciti 3 ore Fa a decidere di partire, domani, pochi giorni ma va bene, con la famiglia, forse lo riuscirò ad usare almeno 1 giorno, ma va bene,

Quel che importa è : che adesso lo riempio ihihih ihihih
E che la zona si prospetta ottima , ne avevamo accennato maryam e il destino ha voluto che l’unico posto disponibile fosse in zona :si:

Castiglion fiorentino arrivooooooooo
 

Griffo

Utente storico e attivo
Socio Assoc.ne PPS
Un saluto veloce al mare
Con tutta la famiglia al completo
13FF451F-2831-4C5D-87CF-95BD56E5BAC6.jpeg

Vedere l’entusiasmo bambino della
Mia sorellina che vede realizzarsi un semplice sogno (vedere il mare d’inverno)
4B12808E-2903-421A-B4E1-663AC39562AF.jpeg


Avere 5 minuti per me
85AA7C1F-CFD8-4A30-A5A4-0EF21F48CD58.jpeg


Un veloce pensiero a due pellegrini sulle stesse strade , sento vedo gioisco delle dello orme
3614BF0F-D5EB-4C2E-9711-913B687C5386.jpeg

Romperò le scatoline ad ogni componente della famiglia ogni mattina a turno ahahhahaha

Stamattina era il turno della mammona
937BF400-9B29-494B-8543-5DA312F2D076.jpeg
Godere dei passsi mattutini
Farla sentire un po’ pellegrina
F9D7AB95-A6BD-46B1-B34F-0FB5D9A39C4A.jpeg
In mezzo a madre natura
7F2FB076-049A-4828-ACC9-C079501790D0.jpeg


Perché lei
794E0254-FD6F-4AF1-846B-DC12A9F1F184.jpeg
C'è sempre


Buon anno a tutti
 

maryam

Utente storico e attivo
Socio Assoc.ne PPS
Collaboratore Ass.ne
Direttivo Ass.ne
Buon anno Clara e Dany, voi siete senz'altro un dono del 2017 che voglio portarmi nell'anno nuovo e in quelli che verranno

Inviato dal mio HUAWEI GRA-L09 utilizzando Tapatalk
 

Trova un utente

Scudetto Libretto PPS

I libretti sono realizzati totalmente in carta riciclata e hanno misura 112 x 85 mm
La penna è di colore nero e le pagine sono a righe orizzontali

Lo scudetto è realizzato in stoffa e può essere cucito o incollato dove si desidera, non è termoadesivo.

Il costo comprende anche le spese di spedizione che variano a seconda della quantità ordinata.

Scelta oggetto
Alto