• Ciao Ospite, benvenuto nel forum Pellegrini per Sempre
    lo stai visitando nella sua parte pubblica, comunque anche da ospite puoi scrivere un argomento nel forum dedicato agli ospiti ma se vuoi interagire con gli iscritti, vedere tutti i forum della board, partecipare ai nostri raduni e tanto altro e' necessario effettuare l'iscrizione cliccando in alto su "Registrati".
    La registrazione, oltre a quanto detto sopra, porta anche a non visualizzare alcune pubblicità come quella sottostante nelle varie risposte dei forum

Una tacca sul proprio bordon


Che voto assegni al racconto ?

  • 1

    Voti: 0 0,0%
  • 2

    Voti: 0 0,0%
  • 3

    Voti: 0 0,0%
  • 4

    Voti: 4 11,1%
  • 5

    Voti: 8 22,2%
  • 6

    Voti: 10 27,8%
  • 7

    Voti: 7 19,4%
  • 8

    Voti: 5 13,9%
  • 9

    Voti: 1 2,8%
  • 10

    Voti: 1 2,8%

  • Votanti
    36
  • Sondaggio terminato .

Davideadesso

Nuovo iscritto
Una tacca sul proprio bordon


Non lasciamo che il cammino diventi solo una tacca sul nostro bordone, È nella natura dell'uomo e del suo ego darsi un nome con : ho fatto.

Non "abbiamo Fatto il cammino" lo stiamo ancora percorrendo.

Dal ritorno da Santiago, Gerusalemme, o Roma abbiamo affrontato altre tappe e ne stiamo percorrendo altre. Siamo consapevoli di questo? Ora le difficoltà sono un pochino mutate, magari non si leniscono con l'arnica ma necessitano di due buone parole o un buon libro.

Ora la fuente de agua è sempre a portata e la difficoltà sta nel continuare ad essere consapevole della sua ricchezza , della sua enorme importanza e della sua straordinarietà come della nostra.

Sono difficoltà più impegnative più subdole perché ci portano senza far rumore al quieto vivere .

Solo la Morte , nostra amica sincera, ogni tanto ci smuove dal torpore.

Non lasciamo che il cammino sia un ricordo perché é passato , coltiviamolo ancora ed ancora perché é presente . Affrontiamo le difficoltà delle nuove tappe come la paura di essere monotoni.

Una tappa nelle Mesetas sotto il sole possiamo considerarla monotona?

Non lasciamo che il nostro cammino diventi una tacca sul nostro bordone, Non lo é.

Proviamo a togliere " ho fatto" quando parliamo del nostro cammino e sostituirlo con " sto facendo"

Proviamo ad immaginare , per chi si accinge a percorrere quei sentieri, di non andare a incamerare in un comparto stagno un esperienza fine a se stessa, ma di iniziare ad incamerare nel cuore la vita stessa.

Il cammino é uno strumento , non una tacca.

Il cammino é amore, non ha una fine.

Il cammino non giudica.

Quando si parte sforziamoci di capire il cammino e non leggere ciò che visivamente é corrotto dall'essere diventato "famoso", un esperienza da fare, come il farsi una canna.

Quando ripartiamo facciamo lo stesso.

È quando ci accorgiamo di essere ancora e fortunatamente ancora lungo il tracciato della vita, sforziamoci ancora perché il quieto vivere é sempre in agguato.

Il quieto vivere è capace di teletrasportarci a finisterre in un attimo e senza il godere delle difficoltà , dei sassi, della polvere , delle compagnie , del donare, del condividere del piangere e asciugarsi le lacrime, del vedere e del comprendere che la presenza può concedere.

Tanto amore
 

Trova un utente

Scudetto Libretto PPS

I libretti sono realizzati totalmente in carta riciclata e hanno misura 112 x 85 mm
La penna è di colore nero e le pagine sono a righe orizzontali

Lo scudetto è realizzato in stoffa e può essere cucito o incollato dove si desidera, non è termoadesivo.

Il costo comprende anche le spese di spedizione che variano a seconda della quantità ordinata.

Scelta oggetto
Alto