• La pubblicità che compare nel forum lo sostiene con una piccola entrata, se usi AdBlock bloccando la visualizzazione delle pubblicità non aiuti il forum. Se vuoi dare una mano disabilitalo quando navighi in queste pagine. Grazie

VORREI SAPERE, RICORDARE E CONDIVIDERE PERCHE'

Jackie

Collaboratore Ass.ne
Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
Grande Franvi, assolutamente grande!!!
 

Ermetismo

Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
Grazie Franco, risvegli emozioni sopite in questo forzato tempo di stasi.
 

cor97

Utente attivo
Utenti registrati
Mi piacerebbe dare una risposta certa, ma non c'è.
Probabilmente ripeterò cose già dette o scritte,
Il Cammino tanto sognato e desiderato per 7 anni prima di riuscire a partire per avere il tempo di farlo tutto. il cammino che sul tratto poco prima di arrivare ad Estella pieno di fango e sotto la pioggia che non smetteva , ho gridato CHI ME L'HA FATTO FARE!( e dopo 5 metri arrivare sul sentiero piano che mi portava all'albergue) salvo la mattina dopo ripartire tranquillo e beato come se niente fosse. Bypasso tutto il resto.
Da quell'anno ancora non mi fermo ed ancora oggi che siamo costretti a stare fermi, comunque faccio giri di perlustrazione sulla rete per organizzare il prossimo cammino in terra di Spagna.
In Italia abbiamo molte cose da vedere e sentieri per camminare, ma non è la stessa cosa come si cammina in Spagna ed anche in Portogallo. Il Cammino io lo vivo come espressione di se stesso, o meglio di "me stesso", ma non in senso egoistico, bensì nel senso di incontri con altri usi e costumi, persone di varie nazionalità e lingue con cui sei costretto ad esprimerti in altre lingue o gesti, ma ti capisci lo stesso. La gente locale ti fa sentire accolto e in caso di bisogno ti aiuta senza nemmeno che sia tu a chiederlo (sperimentato sulla mia pelle proprio il primo anno che feci il cammino e che dovetti interrompere nel 2007) Il pellegrino per gli spagnoli non è solo una pecora da tosare o una mucca da mungere, è soprattutto un "Pellegrino". Mi dispiace dirlo, ma quando sento da amici che hanno fatto anche il cammino di Francesco o altri cammini qua in Italia, sembra che Il pellegrino abbia la configurazione della preda, Questa visione mi fa snaturare l'essere Pellegrino e mi fa diventare turista che va spennato anche da accoglienze religiose.
Con questi presupposti preferisco di gran lunga il cammino di Santiago nelle varie espressioni dei percorsi perché, a mio parere, è solo lì che trovo quella libertà di cui qualcuno ha parlato prima ed anche lo spirito con cui riesco ad affrontare le varie difficoltà che ogni cammino inevitabilmente ti pone di fronte e poi a me piace tanto sentire l'idioma locale e magari riuscire ad apprendere anche le varie espressioni tipiche della lingua spagnola..
Mi fermo qui.
 
Ultima modifica:

za_rina

Utente attivo
Utenti registrati
Premetto che io al perché il cammino di santiago sia il top Risposte non ne ho!
Questa mattina mi arriva un messaggio "che dici appena si può facciamo il cammino dei borghi silenti? Rispondo che si può fare! Risposta troppo veloce mi assalgono i dubbi 1) non mi ricordo più come si fa uno zaino 2) sono fuori allenamento da un bel po' 3) affiorano i ricordi delle difficoltà e più affiorano più mi assale la nostalgia.
Mi collego al forum e questo post mi da la mazzata finale... mi assale solo la voglia di camminare su qualsiasi cammino e un pensiero predomina "vaccino al più presto e acquisto scarpe "!
Ciao a tutti
 

Romantica

Utente attivo
Utenti registrati
Per me il Cammino è Santiago... è il Cammino dell'emozione e queste parole scritte su quel muro che tutti conosciamo lo esprimono al meglio...
La forza che mi spinge
la forza che mi attrae
non so spiegarla nemmeno io
solo chi sta lassù lo sa
 

Tere.57

Utente attivo
Utenti registrati
ho letto tanti pensieri ... tutti veri e condivisibili
Io mi sono sentita a casa, il vero qui e ora, non importa a nessuno chi sei e da dove vieni, il tuo vissuto e forse il tuo futuro, che lavoro fai, ... Sei lì un semplice pellegrino/a che condivide con altri un pezzo del viaggio della propria vita. Tanti ricordi, anche di una sola serata, di un breve incontro. Te li porti dentro di te per sempre. Intanto il perché lo fai è già una bella domanda. So che starò bene, prima di partire durante e al rientro. Hai tempo per pensare ma una risposta porta ad un'altra domanda. E anche non pensare ma osservare quello che ci circonda e vedere la bellezza nelle piccole cose. La storia poi ci avvolge passo dopo passo, ci fa sentire parte di un qualcosa di più grande.
Spero solo di poter ripartire....
 

Cristiano

Utente attivo
Utenti registrati
Libertà, gioia, essere me stesso, condivisione, sogno...
Anche se per me, e chi mi conosce lo sa..., c'è un luogo che più del Cammino sa offrirmi questo...
Ed è colpa di quel luogo che sul Cammino non sono più tornato... Ma lo porto nel cuore, perchè l'altro luogo non ci sarebbe mai stato senza la via di Santiago...
E quindi un giorno tornerò, anche solo per ringraziare...
 

Trova un utente

Scudetto Libretto PPS

I libretti sono realizzati totalmente in carta riciclata e hanno misura 112 x 85 mm
La penna è di colore nero e le pagine sono a righe orizzontali

Lo scudetto è realizzato in stoffa e può essere cucito o incollato dove si desidera, non è termoadesivo.

Il costo comprende anche le spese di spedizione che variano a seconda della quantità ordinata.

Scelta oggetto
Alto