• La pubblicità che compare nel forum lo sostiene con una piccola entrata, se usi AdBlock bloccando la visualizzazione delle pubblicità non aiuti il forum. Se vuoi dare una mano disabilitalo quando navighi in queste pagine. Grazie

2021 - Peter pan ed il Cammino Fra, Franc, France, Frances, Frances…cano

Griffo

Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
prosieguo ......

tra ricordi, gambe allenate, pensieri vaganti, a differenza della prima volta mi son mangiato la tappe così avidamente che all'una ero già al B&B (il caso ha voluto lo stesso B&B del 2018, o forse perche era l'unico)
raggiungo così Claudia che è pronta a ripartire decisa verso Assisi, io decido per rilassarmi MA IN REALTA' perchè l'ultima TAPPA si fa da soli, io lo sò e voglio farlo, Claudia non lo sà ma io gli e ne dò apposta occasione.

Gli prometto che la raggiungerò ad Assisi se trovo un modo e cerco un bus
alla fine convinco Manuela a portarmi ad Assisi (convinco insomma dietro pagamento), un po' perchè che cavolo faccio a Valfabbrica tutto il pomeriggio? un po' perchè qualcuno mi ha insegnato che è bello scendere a destinazione da "turista" per poi il giorno dopo raggiungerla da Pellegrino.

nel mentre mi scrive Anna che hanno raggiunto Assisi, lei l'unica a "piangere" all'arrivo, Andrea e Marzia forse più tenaci, più realistici, forse meno sensibili, forse con meno richieste o ricerche, Anna mi ha dato subito sin dall'inizio la sensazione di una ragazza alla ricerca di se o con dentro allo zaino molte domande, questa ne è la conferma : un'anima tormentata Pellegrina, credente o non credente, piange quando raggiunge la fatica di qualche risultato.
La informo che sarà ad Assisi e sarebbe bello trovarci per una birra, ma non mi risponde più, e un po mi dispiace ma così gironzolo da solo e alla ricerca di un braccialetto che voglio ricomprare (regalato a David nel Cammino primitivo).

Alle 5 chiamo Claudia perchè preoccupato dalla non risposta ai mie sms, risponde con un fiatone e rispondo "ok sei viva respiri" , stà entrando proprio ora nella porta di SanGiacomo, felicissimo per lei e sapendo cosà proverà gli dico solo "goditi e viviti il tuo arrivo ci vediamo alla messa del Pellegrino delle 6"

Io mi fermo a SantaChiara davanti alla croce originale di SanFrancesco portata a sanDamiano, e dove nel 2018 trovai tutte le mie Dioincidenze, ricordavo di una strana forma delle ombre intorno alla Croce .... sforzando gli occhi l'ho rivista e mi scappa un sorriso e quelle prime lacrime che scendono sempre quando escono dal cuore. Non avendo nessuno con cui condividere noto una signora in un angolino che nulla ha da condividere con la folla turistica, mi avvicino e gli bisbiglio "guardi bene e cerchi l'abbraccio nell'ombra della croce"

F5694ED3-F75A-4102-AFEF-CDAED38DD2B2.jpeg

Alle 6 raggiungo Claudia a messa (già iniziata ops) e a fine messa la abbraccio forte con un sorriso dicendogli "sei arrivata ce l'hai fatta"
Ho pianto .... mi risponde
Non avevo alcun dubbio penso

CLAUDIA
Una donna tenace di 53 anni, infermiera (periodo Covid compreso con annesso tutto)
nonostante l'inesperienza del primo cammino, con uno zaino troppo pesante, delle scarpe troppo strette, dei vestiti inadatti, con le sue tre cinque sette vesciche sopra e sotto i piedi , cammina cammina come se non avesse alcun male, questo sul cammino ma in realtà questo è ciò che fa nella sua vita, fatta di problemi difficoltà salite, ma soprattutto fatta di "confronti e scontri personali con se stessa, con la semplice umiltà di mettersi in discussione e cercando il buono in se"
Non sono rare le donne che conosco ad avere LO STESSO spirito guerriero ed ogni volta che ne incontro una non manco di "fargli l'inchino"
" l'uomo non è altro che una donna non realizzata "


Ci raggiunge il marito di Claudia e nel mentre rispondono Anna e Marzia che dormono vicino alla Porziuncola e alla stazione cosi che l'indomani possano prendere al volo il treno.
Così scendiamo in macchina da Assisi ed essendo sulla strada versa Valfabbrica ci fermiamo a salutarle per un ultimo abbraccio. Prometto ad Anna di mantenere i contatti e chissà vederci in futuro perchè la vita è un Cammino con lo stesso elastico sulle distante, a volte vicine a volte lontane ed il mondo non è poi così grande anzi è un unica fantastica entità della quale facciam parte.

Arrivati a Valfabbrica ci uniamo a Giovanni e Marinella per una cena a 5 , godendo del racconto di arrivo di Claudia e ci promettiamo di vederci a colazione per gli ultimi saluti ( io però non sò ma inizio a salutare con abbracci .... al massimo bisserò)
 
Ultima modifica:

Griffo

Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
04-09-2021
Valfabbrica - Arrivo ad ASSISI

La sveglia era programmata con gli altri alle 7, non c'era fretta di partire oggi, ma alle 6 il mio sonno è disturbato, così inizio ad alzarmi ed incomincio a trafficare confusamente lo zaino, metti togli metti togli metti togli; ripenso alle altre mattine nelle quali in 10 minuti ero pronto ordinato mmmmmmmm ...... butto tutto nello zaino, lascio un biglietto di scuse ed un pensiero, e parto da solo senza far rumore.
F172AA5A-1E65-422B-9DA9-0480C7B17297.jpeg
L'ultima tappa è sempre cosi no? Personale

I primi km sono un continuo trafficare con lo zaino ed il marsupio :rofl: tornato il solito penso, così continuo a "rivivere" luoghi e momenti di fatica fatti con la famiglia, OVVIAMENTE sbaglio strada mentre rifletto e scrivo e "registro" vocali sconfusionati.
Insomma vivo i MIEI 10 km, sino a quando l'ennesimo tenero messaggio di Giovanni mi convince a rinunciare al mio intento di tappa solitaria ed aspettarli e camminare assieme fino ad Assisi.
un po' mi spiace ma si sa in alcune occasioni, anzi spesso, rinuncio al me stesso per dar precedenza alla dolcezza delle persone , e questa coppietta a me fa tanto tenerezza, tanto più che sono le prime persone ad avermi "accompagnato" quando necessitavo di avere qualcuno a fianco.

raggiunto (a lasciatomi un po' andare) trovo sia bello camminare con loro e sentire la loro storia di vita, fatta di momenti lontani fra loro ma anche di decisioni prese con frivolezza e poca programmazione o impostazione .... in molti aspetti le similitudini si fanno sentire eccome, "E" soprattutto ho trovato interessante lo scambio di opinioni sull'argomento confronto fra l'IMMENSA BASILICA che si staglia imponente già all'orizzonte e la semplicità povera e piccola del messaggio di SanFrancesco.
Ci fermiamo e mi offrono un MOCACCINO caldo nel bosco :rolleyes::rofl:, sono attrezzatissimi
GIOVANNI E MARILENA
Forse li ho già descritti un po', aggiungo che
Qua in cammino si spostano con zainetti piccoli e due grossi TROLLEY che vengono trasportati di tappa in tappa (ecco perchè del mocaccino disponibile nello zaino :p) lungi da me il giudicare, ognuno SA come lo imposta il proprio cammino e l’importante è quello che DAI al cammino stesso, ovvero la parte vera di te.
si son sposati senza casa e vivendo per un po' ognuno a casa propria
causa lavoro han viaggiato molto, a volte soli a volte spostandosi con tutta la famiglia e vivendo un po' da viandanti senza radici fisse
si scoprono (probabilmente) lontani fra loro, così avendo ora figli maggiorenni, adottano il cammino quale medicina per poter recuperare quel dialogo probabilmente perso nel tempo
e dirò gli stà riuscendo proprio bene

641A3284-9FC2-413B-B55F-1B044A6CA393.jpeg2845B38C-1908-4D57-9033-12484FDE60A2.jpeg

Giungiamo alle porte di Assisi e abbandoniamo l'idea (ed il ricordo) della salita con entrata dalla porta di SanGiacomo ( e ciaone l'idea di entrare da pellegrino coi miei bei e non bei pensieri ), paghiamo 3€ e saliamo dal Bosco di SanFrancesco
lo consiglio perchè è un metodo che mantiene fino all'ultimo metro nel "mondo che vorrei" e l'arrivo è come me lo aspettavo
CAOTICO
CONFUSIONARIO
è sabato oltretutto ..... FIUMANA DI TURISTI

CI GUARDIAMO
ridiamo
ci diciamo "vabbè" :hihi:
foto di rito, ritiro del testimonium e ci dirigiamo, silenziosi e confusi e per nulla facentiparte di questo clima turistico ma orgogliosi del nostro aspetto interno e soprattutto esterno, verso due birre secche alla goccia, dandoci appuntamento per la cena.


Mi dirigo verso la casa Papa Giovanni alloggio che già conoscevo ma stavolta con una camera al terzo piano con vista su Assisi e fatto il solito rituale del pellegrino (doccia lavaggio riposino) mi ritrovo a NON aver voglia di uscire da quella camera e camminare per Assisi e non aver voglia di visitare l'Eremo delle Celle, o la Basilica, o San Damiano, perchè vedo solo CAOS.
Penso che il cammino non sia stata la meta ma il Cammino stesso ed io ho già avuto il mio cammino e le lacrime le ho lasciate sulla sua strada
mi rendo conto che il mio Cammino è finito qua ora, non ho altro da chiedere ad Assisi!
Così decido all'istante di NON fermarmi qua nel Weekend ma di ultimare questo "viaggio" così come l'ho iniziato , con dei PPS .......... : - )::-)

Attendo la coppia fuori da messa godendo del mio momento TOP il tramonto di Assisi ed andiamo a cena (mi offrono la cena, questa è la seconda ... e non c'è verso di insistere) e ci salutiamo con abbracci pellegrini (credo di aver rotto una costola a Marinella) e un "arrivederci"


Mi piomba addosso una stanchezza che non si saziera facilmente con una notte, ma ho un treno alle 9 che mi aspetta
DOMANI SI VA DA "VIANDANTE" IN CERCA DI AMICI ...... QUELLI CHE SONO FONDAMENTA DELLA VITA.

Bosco di SanFrancesco

246E365D-336B-421D-8DE8-48C229E29774.jpegAC6A2B26-77DC-4AB5-A221-3818352A96AC.jpeg
AFB57212-9337-459D-A32E-18E3C982AB38.jpeg

Arrivo ad Assisi

32D3D37E-713D-4C9B-8D88-70E9CEFB4247.jpegC7FEAF8E-7A4B-40BD-9BD6-F826AAC11231.jpeg

tramonto di Assisi e del mio Cammino

6AC44E23-36D3-4A60-BC09-DCAB1FFC4507.jpeg78471E45-DFA3-49E1-B2D4-5B54B1237718.jpeg
 
Ultima modifica:

Griffo

Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
05-09-2021
VIA DA ASISSI

Mi sveglio ovviamente alle 6, poco il recupero del sonno. ma dalla finestra del 3° piano godo di una vista incantevole e rara delle prime luci del giorno, lo sguardo si libra leggero.
Mi sento in piena sintonia con ciò che può aver provato Francesco nel guardare gli uccelli librarsi dai tetti più alti e volare liberi guardando il mondo sottostante ridimensionato ad accessorio

F4C7B4B6-0339-4D9F-AC93-60B163F577AF.jpeg34263BC1-9442-41EF-AA24-FD66771E61C1.jpegE64AE990-4E4C-49DB-929B-9D2CD3BABBC8.jpeg
Preparo tutto con calma e scendo verso la Porziuncola passando dal "sentiero della luce", salutato dalla quiete di Assisi che tra poche ore diverrà tempesta turistica e da un gattino simile al mio Ciuffo che mi fa delle super fusa.

Alla Porziuncola è purtroppo iniziata Messa, non ho potuto salutare Francesco, ma tanto è qui ..... NEL MIO CUORE e in chi ho incontrato.

0B0FA8D1-1204-4328-B6D2-24A24175A983.jpeg8EC0B729-FD29-4E5B-B6CC-30F4C09EA241.jpegFF21BCED-E79E-4B05-8E9E-F272DEBDDACD.jpeg


Prendo i vari treni
e vado ad ultimare il viaggio alla ricerca degli abbracci veri
quelli che solo CHI HA PROVATO IL VERO CAMMINO SA DARE
avevo bisogno di tanti abbracci e ho cercato un assembramento di PPS

861E52EA-9A28-4B47-9F54-AC5B72D28549.jpeg81A04479-388B-4A92-BFD1-5A0C826D1A3C.jpeg7951CEAC-668C-48D4-B045-3B2E0A8FC323.jpeg28EA0EEA-5CD3-4014-B0AC-A8A6FEDBF193.jpeg
 
Ultima modifica:

Griffo

Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
FINALE

Torno a casa perché li ho devozione perché anche li ho amore, ci sono due animaletti che mi aspettano ed un’ospitallera paziente che sopporta il Pellegrino più incasinato e tormentato di questa epoca, però questa volta la fatica è tanta non posso negarlo a me stesso ….. sono consapevole quantomeno sereno di avere qualche giorno per decantare prima dell’inizio lavoro e rituffarmi nel tram tram; esco dalla Stazione e ……. Cammino

Mi recuperano per strada ma si avverte la mia non presenza, sono lontano un velo di malinconia lo so che si nota nello sguardo, tengo gli occhi bassi, ascolto qualche necessario impegno quotidiano ma occupo la gran parte di questi giorni a disposizione a guardar le foto e scrivere, scrivere, scrivere, come se non volessi dar l’occasione alla mia mente da criceto di dimenticarsi qualcosa.

Non vi è dubbio cosa sia il Cammino
Una dimensione diversa eterea ma reale tangibile dove il cuore si apre alla vita senza freni
Che fantastica storia è la vita (Cit Venditti)
Se solo si riuscisse ad essere altrettanto aperti ed altrettanto fantastici

Rammento come sono partito, senza pensiero senza programma a muzzo, rammento quel che mi dicevano guardandomi negli occhi “sei sicuro Dany? Ma hai voglia di partire? Sembra di no”

Invece è così che volevo
Senza fisime, senza aspettative, senza chiedermi ne perché ne per come

Abbandonato ad esso, al Cammino, quello con la C Maiuscola, quello a cui dici fai di me ciò che vuoi, girami rigirami mettimi sottosopra fammi fare le capriole fammi cadere e rialzare fammi ridere sorridere piangere preoccupare incazzare spaventare e poi riprendimi nelle tue braccia, fammi stare da solo, fammi provare il bello di stare da solo ma dammi anche l’ansia regalami anche quel senso di vuoto, dentro ad un mondo dove non sei solo dove renderti conto che ne sei parte e non puoi sentirti solo, regalami specchi per guardarmi dentro e donami la possibilità di dare e tuffarmi in abbracci di quelli veri di quelli che dai ad un albero e ad un cane, che dai ad una croce, che dai ad un uomo duro che dai ad una donna sensibile, abbracci cuore a cuore dove trovi emozione sentimento energia , dove senti il profumo dell’abbraccio.

E’ difficile staccarsi da esso ora, non vuoi e costa sangue e fatica

Ancor più da un Cammino che mi ha dato tutto ciò, e chissenefrega se l’arrivo è stato in mezzo alla borgia

Lo so la soluzione è facile, basta portare tutto ciò nel quotidiano , si dice spesso “il vero Cammino inizia quando torni a casa”

Ma sappiamo tutti che ciò non è facile

Si tenta, ci si impegna, ci si sforza , ma per un'anima tormentata l’unica via di fuga rimane quella dimensione diversa che non è luogo non è visione non è tempo …. È dove sei semplicemente tu

quella dove trovi dei cuori e fai il puzzle della tua vita , ma poi per un motivo o per un altro ti trovi a donarli quei cuori , uno ad una persona cara, i due più piccini a delle splendide bambine future pellegrine e porti a casa solo quello grosso, quello che racchiude tutto, quello che sostiene tutto, seppur con un cornetto diavoletto
F6C740B9-08C1-421D-BEC6-A9F5C287E528.jpeg


Cit Ultimo
Qui !!!
Qui dove non potrò perdere il sogno
Perché
È troppo vero per esser distrutto
Io no
Non ci torno
Ho giurato a fatica

E rimango qui fino alla prossima vita


Mi dispiace ma non posso mantenere questa promessa
Al prossimo Cammino caro PeterPan
 
Ultima modifica:

Griffo

Socio Assoc.ne PPS
Utente attivo
Utenti registrati
TAPPE

25-08-2021
La Verna - Pieve Santo Stefano

26-08-2021
6KM TAPPA CORTA - OBIETTIVO RALLENTARE e FERMARSI all'Eremo
Pieve Santo Stefano - Eremo del Cerbaiolo

27-08-2021
Eremo del Cerbaiolo - La Montagna

28-08-2021
La Montagna - San Sepolcro

29-08-2021
ALLUNGO TAPPA - OBIETTIVO ARRIVARE PRESTO ALL'EREMO DEL BUON RIPOSO E CONOSCERE ANDREA
San Sepolcro - Citerna —> LeBurgne e .. oltre

30-08-2021
USCITA CAMMINO - OBIETTIVO CONOSCERE VITA DA FATTORIA 2 RAGAZZI GIOVANI
LE BURGNE - città di Castello, anzi no Variante LAMA

02-09-2021
TAPPA CORTA - OBIETTIVO VIVERE LA VERA ACCOGLIENZA
Gubbio - Eremo di SanPietroInVigneto

03-09-2021
Eremo di SanPietroInVigneto - Valfabbrica

04-09-2021
Valfabbrica - Arrivo ad ASSISI
 

Similar threads

Trova un utente

Scudetto Libretto PPS

I libretti sono realizzati totalmente in carta riciclata e hanno misura 112 x 85 mm
La penna è di colore nero e le pagine sono a righe orizzontali

Lo scudetto è realizzato in stoffa e può essere cucito o incollato dove si desidera, non è termoadesivo.

Il costo comprende anche le spese di spedizione che variano a seconda della quantità ordinata.

Scelta oggetto
Alto