• Ciao Ospite, benvenuto nel forum Pellegrini per Sempre
    lo stai visitando nella sua parte pubblica, comunque anche da ospite puoi scrivere un argomento nel forum dedicato agli ospiti ma se vuoi interagire con gli iscritti, vedere tutti i forum della board, partecipare ai nostri raduni e tanto altro e' necessario effettuare l'iscrizione cliccando in alto su "Registrati".
    La registrazione, oltre a quanto detto sopra, porta anche a non visualizzare alcune pubblicità come quella sottostante nelle varie risposte dei forum

Anni zero


guido_e_cri

Utente storico
Socio Assoc.ne PPS
io me lo ricordavo benissimo, questo post.
mi ricordavo sergio romano e dona che l'aveva usato come spunto.
mi ricordavo le mie parole.
sono andata a cercarlo.
l'ho letto.
ho letto una me che aveva dieci anni in meno.
e amici che erano e amici che sono.

ho letto.
in uqesti giorni ho pensato.
oggi ho scritto.

erano anni zero.
sono anni dieci.

==================

noi due.
eravamo coppia.
diventiamo famiglia.

diventare madre.
che io negli anni zero madre lo sono stata per 20 giorni e 5 minuti.
due nuove pance abitate che esplodono vita e amore.

essere mamma.
erano vecchietti rugosi appena nati alla vita, capelli biondi peluria di nuvola, lacrime pazze, ombelichi perfetti in pancini tondi.
erano dolcezza di latte e sudore, piedi paffuti, mani grassotte, bocche aperte abbandonate al sonno.
erano occhi profondi che parevano già sapere, mondo da esplorare, ginocchia sbucciate, lego ovunque.

essere mamma.
sono curiosità bambina che si fa acuta, battute da zelig [l'ultima in ordine di tempo: "ma alessandro magno e carlo magno sono della stessa famiglia? hanno lo stesso cognome"], verità sapute ["sai come devi fare quando devi dire una cosa? la dici. e quando l'hai detta, l'hai detta"].
sono gambe che si allungano, capelli pazzi, ossa rotte, denti che crescono, muscoli e tendini, invenzioni stralunate, parole a dire, silenzi a tacere.
sono litigi tra fratelli, e "lui mi ha fatto" e "lui mi ha detto", e zuffe, e lacrime, e urli [anche miei].
sono giochi a non finire, e corse, e alberi arrampicati, e occhi felici, e mani sporche di fango impastato, e avventure ovunque, e risate di sole [anche mie].
sono vita da scoprire, vita da capire, vita di vivere - e io e noi ad accompagnarli in questo viaggio.
sono diventare grandi e sperabilmente rimanere bambini, il più a lungo possibile.
sono luci ed ombre - loro. e io accanto a loro.

francia, spagna, austria, germania, grecia, svizzera.
ma anche val d'aosta, trentino, puglia, sardegna, umbria, liguria, toscana, friuli venezia giulia, marche, veneto.
alla faccia di chi dice: "eh, cosa vuoi. con i figli piccoli non si può andare in giro. noi una settimana a pinarella di cervia e già avanza".

dalla magrolina alla tenda.
dalla tenda alla roulotte.
rimane l'animo selvaggio.
rimane la vita gitana.
rimangono i cieli stellati a fare da coperta.

tutti i chilometri che faccio in macchina.
e pensare che ero una milanese da bici nera da uomo inforcata al volo e treni - ovunque biglietti usati a fare da segnalibri.

infinita bellezza.
infinito sole.
infinito amore.
non pensavo fosse possibile.
non pensavo potesse succedere.
non pensavo potesse succedere proprio a me.
e invece.

gorghi di otiti in minuscole orecchie.
insonnia in corpi adulti sfatti di stanchezza.
neonati pianti notturni.
abbruttimento di un quotidiano infinitamente ripetuto.
anni bui - diventano buchi neri da cui uscire è doveroso e difficile.

delle cicatrici.
tre sulla pancia.
altre altrove.
marchi dell'amore sulla mia pelle.
ognuna mi è preziosa.
me le togliessero, le rivorrei tutte.

una canzone.

un mal d'africa ed un mal di santiago.
e non c'entra l'africa.
e non c'entra santiago.

dallo zaino eastpack nero ad una borsa che ha - per sua natura - parvenza di femminilità.
ci arrivo anche io.
pareva impossibile.

nuovi cammini, in spagna ed altrove.
un passo.
poi un altro.
poi un altro.
non faccio altro che camminare.
da qualche parte si arriverà.
da qualche parte arriverò.

il mio compleanno dei 40 anni.
mi credevo arrivata.
sciocca ed illusa.
non ero neanche al nastro di partenza.
mi credevo arrivata.
per fortuna non lo ero neanche un po'.

i miei capelli.
erano lunghissimi.
sono sempre più bianchi.
e più corti di sempre.

erano due nonni.
diventano angeli.
abitano i cieli, tre quarti dei vostri nonni.
e il vostro cuore, ragazzi miei.
ed il nostro.
sempre.
per sempre.

calzini a righe.
birckenstock ai piedi.
piedi nudi sulla terra.
scarponi pronti.
pantaloni sporchi di fango.
uno zaino nuovo che non aspetta altro che essere usato, ma per davvero.
il cielo ad abitare gli occhi.
abissi e splendori dentro il cuore.
le nuvole che passano - a volte veloci.
l'orizzonte ad essermi meta.

un tirocinio formativo - 40 anni addosso, 15 di esperienza.
riparto da tre euro all'ora - pare una beffa.
abito nuove scrivanie dentro a nuove biblioteche.
abito nuovi ruoli bibliotecari.
e li abito con curiosità, infinita voglia, molto divertimento ed un sorriso che non mi lascia mai.
per due anni mi affaccio ad una finestra da cui non mi ero affacciata mai.
il mondo visto da qui mi incanta quotidianamente e mi diverte molto.

tornare al mio lavoro.
dopo quasi un decennio mi capita sulla scrivania un libro antico.
poi un altro.
poi un altro.
sono una bimba il giorno di natale.

era padre.
prende in braccio minuscoli bimbi. diventa nonno.
calza scarponi e zaino. diventa pellegrino.
il nonno non smette di stupire.
averlo ancora qui con noi è grazia e dono.

il mondo del cammino.
c'erano tutti i prerequisiti giusti perchè smettesse di abitarmi.
e invece.
invece mi abita più che mai.
mi è respirto e vita, il cammino.
ed il sognarlo.

abbandono penna stilografica e quaderni a righe.
non smetto di scrivere.
anzi.
scrivo.
scrivo.
scrivo.
a volte mi pare di essere viva solo dentro le mie parole.

voi - uguali e diversi.
io - uguale e diversa.

un abbraccio.
cri
 
Ultima modifica:

Trova un utente

Scudetto Libretto PPS

I libretti sono realizzati totalmente in carta riciclata e hanno misura 112 x 85 mm
La penna è di colore nero e le pagine sono a righe orizzontali

Lo scudetto è realizzato in stoffa e può essere cucito o incollato dove si desidera, non è termoadesivo.

Il costo comprende anche le spese di spedizione che variano a seconda della quantità ordinata.

Scelta oggetto
Alto